Vittorio Sgarbi ospite per la Fondazione Tatarella



0
Vittoio Sgarbi

Vittorio Sgarbi ospite ieri sera, venerdì 6 novembre, a villa Romanazzi, per la presentazione del suo nuovo libro e per una lezione interamente dedicata all’arte italiana

La Fondazione G. Tatarella, chiamata così in onore di Giuseppe Tatarella, esponente dell’area moderata del MSI (Movimento Sociale Italiano- Destra Nazionale) negli ultimi anni del 1970, ”per raccogliere, preservare e tramandare il patrimonio politico, ideale e culturale del suo impegno di parlamentare, amministratore e giornalista” (Art.1 dello statuto della Fondazione) per il ciclo ”Incontri d’Autore”, ha ospitato il critico d’arte Vittorio Sgarbi, ieri sera a partire dalle 20.15, presso Villa Romanazzi Carducci.

Vittorio Sgarbi ospite per la Fondazione Tatarella
Vittorio Sgarbi ospite per la Fondazione Tatarella

Il compito dello showman è stato quello di tenere una lectio magistralis sul suo ultimo libro, ”Dal cielo alla terra”, affrontando tematiche di natura artistica che vertono da Michelangelo a Caravaggio.

Con questo terzo volume ”il Tesoro d’Italia”, Vittorio Sgarbi ha esposto al pubblico tutto il suo sapere raccontando un altro secolo di meraviglie artistiche italiane, in cui l’arte attraversa metaforicamente cielo e terra. Sgarbi ha esaminato la pittura e la scultura in particolar modo, passando da Bronzino  Caravaggio. Ha cominciato da pittori Manieristi che sviluppano la tesi di Michelangelo e ha terminato con la grande ”deflagrazione di Caravaggio” (la terra).

Ancora una volta il critico d’arte più eccentrico d’Italia ci ha offerto un viaggio nell’arte lungo un secolo, da Firenze  Ferrara attraversando Brescia, Cremona, Venezia, Genova fino ai borghi più piccoli dello stivale, in compagnia sempre degli artisti più conosciuti dell’arte italiana come Giulio Romano, Parmigianino, Romanino, Veronese, Tintoretto, Caravaggio, fino a toccare anche i meno conosciuti.

Leggi anche