Torna a Bari il BGeek per la V edizione

0
torna

Torna il BGeek, dal 27 al 29 maggio, la quinta edizione della convention barese dedicata al panorama ludico-geek moderno internazionale

 

Nessun mondo a Bari sarà più immaginario”, questo il motto con cui il 27 maggio torna a Bari il Bgeek, festival ludico-culturale dedicato al panorama nazionale e internazionale di anime, cosplayers, manga, cinema d’azione e animazione , serie tv, videogaming, mondo youtube e della scena letteraria- fumettistica.bgeek1

Giunto alla sua quinta edizione, il BGeek si fa più ricco e ambizioso, a partire dalla scelta stessa della location,un grande passo in avanti per la manifestazione rispetto agli anni precedenti: sarà infatti il Palaforio il teatro della convention, adeguatamente “nerdizzato” in padiglioni chiamati appunto Vulcano, Tokeizaka, Winterfell ,e ancora molti altri. Non solo la location, ma anche il programma promette bene: oltre 45 ospiti provenienti dalle più diverse scene italiane, dal mondo dei writers, a quello degli youtubers, a quello della cultura giapponese, fino anche a workshop per bambini sul mondo del fumetto. Tra i nomi più famosi segnaliamo il fumettista Roberto Recchioni ( tra l’altro in mostra con “Gli anni disegnati” al Museo Civico fino al 18 giugno) , i The Pills, youtubers reduci dall’ esperienza cinematografica “Sempre meglio che lavorare”, lo strett artist Flavio Solo, che vanta collaborazioni con la maison italiana Valentino e brand internazionali come la Nike, i “giornalisti” di Lercio,apprezzatissimo sito web satirico, e infine uno degli appuntamenti forse più attesi, quello del 28 maggio con Gabriele Mainetti, regista del grande successo di critica e pubblico “Lo chiamavano Jeeg Robot”.

Insomma, una tre giorni che si concluderà domenica 29, completamente dedicata ai colori di cosplayes,alle nuove frontiere della tecnologia, alle performance degli street artists, a fumetti e film cult, completamente all’insegna dell’originalità e del nerd con un tocco di campanilismo che non ci fanno dimenticare di Bari. Geniale è infatti la campagna pubblicitaria di quest’anno: sono state scelte come frasi lancio citazioni celebri delle più famose saghe degli ultimi tempi,tradotte in una lingua…diciamo così, diversa. Tra alcuni degli esempi più belli sulle locandine, “I so dattante”(“ io sono tuo padre), “Decite amisce e trasite”( dite amici ed entrate), e ancora “ U viirne sta a vvnè”( l’inverno sta arrivando)…a cosa vi fanno pensare ?