Ternana ospite al San Nicola. Il Bari non può sbagliare

0
Fra

Il Bari è chiamato stasera contro la Ternana ad uscire dalla crisi in cui è precipitato. Ancora out Maniero; tocca a Pusças

La sfida d’andata tra Ternana e Bari, conclusasi con un rotondo 3-0 per le Fere, fu il casus belli che diede inizio alla rottura definitiva dell’amore mai sbocciato tra il Bari di Nicola e la sua tifoseria. Stasera i biancorossi ritroveranno, ad un girone di distanza, la Ternana sul loro cammino, con tanti problemi ancora irrisolti. La sconfitta patita sabato a Lanciano ha fatto esplodere nuovamente il calderone di malumori che il pubblico del San Nicola aveva malcelato dall’arrivo di Camplone sulla panchina del Bari, scoperchiando di nuovo quel vaso di Pandora da cui sono scaturite nuove contestazioni ad una squadra che, fin qui, ha deluso anche il tifoso dal più basso profilo. L’uscita dalla zona playoff, conseguenza del rovescio subìto in Abruzzo, ha fatto risuonare più di un campanello d’allarme nella testa di mister, squadra e tifosi.  Il tutto condito da un silenzio stampa voluto dalla società che non sembra aver rasserenato la squadra, ma che, anzi, ha ancor di più incattivito la città, che avrebbe quantomeno gradito ricevere spiegazioni da tecnico e/o Presidente a quesa caduta libera a cui il Bari sembra incapace di porre fine. È per questo che stasera (Stadio San Nicola h. 20:30, arbitro Sacchi della sezione di Macerata) il Bari ha a disposizione un solo risultato, quella vittoria che manca ormai da un mese e mezzo e senza la quale la crisi da grigia diventerebbe nerissima.

QUI BARI – Ancora Pusças davanti Mister Camplone, nei tre giorni scarsi d’allenamento avuti a disposizione, ha dovuto preparare la sfida alla Ternana ancora senza Riccardo Maniero, il bomber principe di una squadra che continua a soffrire di una congenita anemia offensiva. Toccherà quindi di nuovo al giovane Pusças guidare la prima linea biancorossa, con ancora negli occhi e nella mente le occasioni sciupate a Lanciano. Ai suoi lati, nel 4-3-3 standard di Camplone, dovrebbe rivedersi Sansone dal 1′ insieme allo stacanovista De Luca. A centrocampo conferma per Dezi e Valiani, con Gentsoglou e Defendi a giocarsi l’ultima maglia disponibile. In difesa potrebbe trovare spazio dal 1′ il terzino sinistro Jakimovski (fin qui oggetto misterioso del mercato di riparazione), con Cissokho dall’altra parte e la coppia Tonucci-Rada nel mezzo. Trai pali conferma per Micai.

PROBABILE XI (4-3-3): Micai; Cissokho, Tonucci, Rada, Jakimovski; Valiani, Gentsoglou, Dezi; Sansone, Pusças, De Luca. All. Camplone

QUI TERNANA – Out l’ex Zanon Andamento da montagne russe quello tenuto dalla Ternana di mister Roberto Breda nelle ultime settimane: le sconfitte contro Livorno e Spezia nelle ultime due uscite hanno fatto uscire le Fere dalla lotta playoff, mantenendo comunque un tranquillo dodicesimo posto in classifica. La partita di stasera al San Nicola resta, ad ogni modo, fondamentale per la Ternana per continuare a sperare negli spareggi promozione, obiettivo non dichiarato ad inizio stagione ma che in un campionato così aperto può non essere una missione impossibile. Nelle Fere non ci sarà per squalifica l’ex di tutto Zanon, sostituito nel ruolo di terzino destro nella difesa a quattro di Breda da Furlan. Nel centrocampo a due agiranno i muscoli di due intenditori puri come Coppola e Busellato, alle spalle del trio Falletti-Belloni-Gondo. In attacco, sarà ballottaggio fino all’ultimo tra Ceravolo e Avenatti per il ruolo di unica punta centrale.

PROBABILE XI (4-2-3-1): Mazzoni; Furlan, Gonzalez, Meccariello, Valjent; Coppola, Busellato; Belloni, Falletti, Gondo; Ceravolo. All. Breda