Piccinni: lo storico teatro barese riprenderà vita

0
piccinni

Teatro Piccinni: è stata presentata ieri mattina la gara d’appalto per i lavori di ripristino della platea e di alcuni palchi, con un’ ampiezza finale che includerà circa 300 posti. Resta ancora in sospeso la ristrutturazione di ordini superiori e loggione

La mattina del 28 ottobre scorso, è stato presentato in conferenza stampa, il bando per la gara d’appalto riguardo il teatro Piccinni, in Corso Vittorio Emanuele, eseguibile con i fondi regionali Fers per un importo di circa 5 milioni di euro (3,9 più iva e spese di realizzazione del progetto esecutivo). Questo nuovo cantiere porterà alla riapertura parziale di platea e di altri tre palchi dello storico complesso intitolato con il nome del grande compositore barese vissuto nel ‘700, per un totale di 300 posti complessivi.

piccinni
Piccinni: lo storico teatro barese riprenderà vita

La scadenza del bando è prevista a fine anno poiché si presume che i lavori inizino nel 2016, con una durata di circa 450 giorni. De Caro ha infatti affermato, durante la conferenza stampa, che l’agibilità del teatro si raggiungerà nel 2017.

Il sindaco ha spiegato anche che questa decisione è il risultato di un impegno preso da qualche mese, subito dopo i lavori effettuati per il ripristino del palcoscenico e gli interventi sulla struttura e sul tetto, per un totale di 12 milioni di euro investiti.

L’obiettivo del lavoro è anche il recupero definitivo del sottotetto, da adibire a conferenze ed esposizioni, la ristrutturazione dei camerini e della torre scenica, la messa in funzione delle centrali tecnologiche, la valorizzazione del foyer e quindi, l’ultimazione dell’impianto antincendio, per ottenere e garantire l’agibilità.

La finalità secondaria è anche quella, enunciata da De Caro, di attenuare il carico che presenta ad oggi, il Petruzzelli, direzionando verso il teatro Piccinni, prosa e vari concerti.

Il Comune, infine, ha già ipotizzato l’avvio della gara d’appalto per la terza parte dei lavori, già l’anno prossimo, in modo da rendere il cantiere attiguo a quello del secondo compito, diminuendo al massimo i tempi di operato. Questo lavoro includerà il ripristino dei palchi e del loggione, aumentando l’ampiezza e il numero di posti disponibili fino a 750.

I fondi però mancano tutt’oggi: sarà necessario recuperare almeno 2 milioni di euro, soldi che si cercherà di reperire con i risparmi del secondo step lavorativo.

Una cosa è certa: nel 2017 Bari avrà di nuovo, seppur ancora parzialmente, il suo teatro storico.