Bari, maggiore controllo sulle strutture ricettive



0
strutture ricettive

Un piano di azione e controllo sulle strutture ricettive che non rispettano gli obblighi di legge

La questione sicurezza preoccupa in più ambiti: stavolta si parla di turismo, il quale ha portato i palazzi a stilare un insieme di proposte e azioni debellanti la criminalità attraverso il controllo sulle strutture ricettive: l’impegno portato avanti di recente dall’amministrazione comunale prona a contrastare l’illegalità presente sul territorio cittadino, va a buon fine. Approfittando del vento favorevole, a governare la barca con la proposta troviamo l’assessore alle Culture e al Turismo Silvio Maselli, ha concordato con il direttore generale di convocare ad horas un tavolo di lavoro.

Presente all’incontro sarà anche l’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone, del comandante della Polizia municipale Stefano Donati, del responsabile dell’Annona Michele Palumbo e del dirigente della ripartizione Sviluppo economico Nicola Marzulli per dare avvio a un piano di azione e di controllo in campo turistico rivolto alle strutture ricettive e pararicettive che non rispettano le leggi in materia fiscale, retributiva e regolamentare.

Secondo piano, verrà costituito un gruppo di agenti della PM, adeguatamente formati e preparati sulle vigenti leggi in materia di turismo e di commercio. Nelle prossime settimane il piano diverrà operativo attraverso controlli incrociati presso le banche dati appartenenti a diversi enti, pubblici e privati, ed effettuando sanzioni ai ristoratori ed ai titolari di attività di somministrazione di alimenti e bevande che non esibiscono i prezzi di listino al pubblico. Monitorando i flussi turistici in entrata in città e la risposta dei B&B dichiarati alle prescrizioni della legge regionale in materia, si verifica l’effettivo controllo delle normative vigenti in materia.

Con i controlli presso le strutture e le ispezioni, rischiano di elevare il tasso di contravvenzioni; le segnalazioni giungeranno alla Guardia di Finanza e alla Magistratura.
Bari è una città con grandi potenzialità turistiche, come dimostrano i numeri provvisori del 2015 – commenta l’assessore Maselliper questo intendiamo procedere con controlli stringenti che aiutino gli operatori sani a crescere e, parallelamente, colpiscano gli operatori sleali che violano gli elementari principi di sana concorrenza. Siamo convinti che questo approccio aiuterà ad incrementare le performance turistiche, con l’unico obiettivo: la crescita del benessere comune.”

Leggi anche