Spazzatura e baresità: Antonio Decaro, quo vadis?

0
spazzatura

Quanto tira la spazzatura sul web? Con il nuovo anno il municipio ci dà in prestito un nuovo hashtag

Allarme spazzatura e le visualizzazioni sui social impennano. Bari e la cronaca cittadina tornano ad irrompere nei sogni sereni del giovane sindaco Antonio Decaro: il problema spazzatura ha punto il primo cittadino, che però appare sui social tutt’altro che annoiato. L’emergenza spazzatura fa ancora chiacchierare tra le strade del capoluogo pugliese e non sono poche le discussioni inerenti tra le aule del municipio barese; quello che fino a qualche tempo fa sembrava non turbare la quiete dell’amministrazione comunale, ora fa persino sorgere un sorriso compiaciuto all’angolo della bocca di qualcuno.

Con il video in serale del primo cittadino di Bari, stiamo ora per assistere a quella che sembra essere una moda alquanto preoccupante, improduttiva e a tempo indeterminato. Ed i baresi cosa dicono?

Il video di Decaro pubblicato in data di ieri su gran parte delle pagine dei social network e su qualche testata locale, ritraeva il Sindaco intento in quello che si potrebbe definire un vero e proprio giro di ricognizione via terra, tra quella che viene definita baresità e le strade della sua città.

Ovviamente sarà colpa del sindaco” esordisce Decaro ed ecco risalire la vetta attraverso condivisioni, pubblicazioni e views a più di quattro cifre, non tutte concordi. Questo è forse sfuggito al sindaco, il quale da esordiente non ha considerato l’impatto che avrebbe potuto avere il suo corto: tra derisioni e condivisioni, il tema della spazzatura è stato letteralmente messo in secondo piano, minimizzato.

Ovviamente, l’emergenza spazzatura non si qualifica come colpa contestabile verso il singolo soggetto quale in questo caso Antonio Decaro, ma in seno alla comunità, la quale si rifiuta di rispettare il proprio, e soprattutto quello comune, spazio. La spazzatura è gestita male da tutti ed anche l’immagine che viene trasmessa alla popolazione non è ben curata. O forse troppo.

In risposta alla domanda ironica del sindaco, arriva puntuale il video di un suo consigliere. “Per me no grazie, preferisco un thé” controbatte il consigliere metropolitano Fabio Romito in riferimento ad una battuta del sindaco mirante ad alleggerire il clima (“Vediamo se c’è una birra”, estrapolata dal video-denuncia di Decaro). Ed è subito scontro a colpi di emoticons e visualizzazioni con le quali probabilmente l’amministrazione intende occuparsi di un tema così preoccupante e delicato.

Urge una sensibilizzazione pronta a colpire la popolazione e tutti coloro i quali, in un qualche modo, vengono inevitabilmente tirati in causa. Ma non in questo modo, perché alla comunità tutta non piace questo elemento, tanto quanto la spazzatura.

https://www.facebook.com/antdecaro/videos/749387628496237/?theater