Sisto, nuovo commissario di Forza Italia tra le polemiche



0
sisto

L’On. Francesco Sisto nominato nuovo commissario di Forza Italia per Bari e Provincia, ma è subito polemica. La consigliera Melini furiosa su Facebook.

L’On. Francesco Paolo Sisto nuovo commissario di Forza Italia di Bari e Provincia. La decisione  di commissariare la Terra di Bari è stata presa dal Presidente del partito Silvio Berlusconi insieme al commissario regionale della Puglia l’On. Luigi Vitali.

Sisto dopo il mancato raggiungimento della Corte Costituzionale cercherà di dare nuova energia al partito che su Bari continua a perdere pezzi, recente il passaggio del cons. comunale di Bari Michele Picaro, passato dal gruppo dei Berlusconiani al Nuovo Centro Destra.

La scelta presa a Roma però non ha acceso gli entusiasmi dei Forzisti, anzi ha trovato subito polemiche. Ad esprimere la sua posizione contraria l’ex Coordinatrice del partito a Bari Irma MeliniSchermata 2016-02-07 alle 12.54.30, che scalda gli animi su Facebook scrivendo: « Apprendo attraverso un’agenzia stampa che il commissario cittadino per Bari città metropolitana di Forza Italia nonché unico consigliere di Forza Italia che fino ad oggi ha difeso il partito di Berlusconi nella Città di Bari è stato a sua volta paradossalmente commissariato da un parlamentare che fino a ieri concorreva al ruolo di giudice della Corte costituzionale. Insieme al Commissario nominato 8 mesi fa da Silvio Berlusconi e che per lui ha accettato la candidatura alle regionali come Capolista, vengono commissariati componenti di un’intera squadra di partito che da un anno lavora per Bari. Mi riservo nei prossimi giorni insieme al gruppo che con me ha rappresentato il partito di esternare le dovute considerazioni per la scelta verticistica subita e non motivata».

A seguire il canto della Melini il suo vice Coordinatore, anch’esso commissariato, Antonio Ciaula: «Poi un bel giorno ti svegli e ti accorgi che la lealtà, il senso di appartenenza, l’abnegazione e le mille battaglie politiche combattute per difendere gli ideali ed il vessillo del tuo partito passano in secondo piano rispetto a logiche che corrono in direzioni completamente opposte».

Insomma il partito del Presidente Berlusconi continua a sgretolarsi e sembra non riuscire a recuperare il bandolo della matassa.

Leggi anche