Scuola Cirielli vandalizzata: assessora Romano in visita

0
scuola

L’assessora alla Pubblica Istruzione Paola Romano stamani in visita alla Scuola Cirielli al San Paolo, colpita dai vandali venerdì: “rispettare questi luoghi

Venerdì il vigliacco assalto vandalico contro la scuola secondaria di II grado Falcone e Borsellino, nell’istituto comprensivo Cirielli, sita nel cuore del Quartiere San Paolo.

Stamattina è stato il momento della conta dei danni: sul luogo si è recata l’assessora alla Pubblica Istruzione del Comune di Bari Paola Romano, per constatare personalmente l’entità del danno, accompagnata dalla dirigente scolastica Carmela Tavernise. Il bilancio degli atti vandalici nella scuola conta le porte delle aule divelte, le pareti interne dell’edificio imbrattate dalle vernici, distrutti banchi e armadi (molti acquistati da pochissimo), materiale didattico sparso lungo il pavimento della scuola, e il distributore automatico di bibite e merendine saccheggiato, con conseguente furto delle monete che giacevano all’interno. Difficile quantificare il danno perpetrato ai danni della scuola, anche se, almeno al momento, non sembrerebbe esser stato sottratto nulla di valore dall’edificio.

Sono indignata per questo scempio – l’amaro commento dell’assessora Romano – anche perché sono terminati qualche mese fa alcuni lavori di manutenzione dell’istituto scolastico, che ha previsto anche la tinteggiatura di tutte le pareti delle aule, l’acquisto di nuovi banchi e l’installazione del nuovo impianto wi-fi”.

L’atto vandalico, comunque, non ci deve demoralizzare  il mantra della Romano. I tecnici comunali sono stati già qui per programmare l’avvio dei lavori di ripristino dell’impianto antintrusione danneggiato, che partiranno domani. Il resto degli interventi necessari sarà terminato quanto prima e i ragazzi troveranno, sin dal primo giorno di scuola, gli ambienti così come li hanno lasciati prima della pausa estiva. Bisognerà dialogare con loro perché, oltre a condannare fermamente atti di questo genere, è bene che capiscano che questa scuola non appartiene al Comune ma ad ogni singolo alunno che la frequenta. Perciò, se da un lato implementeremo il sistema di telecamere di videosorveglianza nei pressi di tutti gli istituti scolastici cittadini, quindi non solo quelli vandalizzati, dall’altro cercheremo di far comprendere ai ragazzi che questa è casa loro e per questa ragione va trattata con rispetto”.