Raccolta differenziata, regalati i bidoni al ristoratore sanzionato



0
raccolta differenziata

L’assessore Petruzzelli dona i bidoni della raccolta differenziata al ristoratore sanzionato nei giorni scorsi e ricorda: “sconti sulla Ta.Ri. fino al 60% per chi differenzia

Continua l’opera di sensibilizzazione voluta dall’amministrazione comunale barese sul tema della raccolta differenziata, e diretta ad imprenditori, ristoratori e, ovviamente, privati cittadini.

unnamed (2)Questa mattina, infatti, l’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli ha personalmente consegnato al gestore del ristorante In Vino Veritas, sanzionato nei giorni scorsi per abbandono di rifiuti davanti ai cassonetti, i bidoni per la raccolta differenziata dei rifiuti organici e del vetro, di cui aveva fatto richiesta qualche giorno fa.

Si tratta, semplicemente, dell’attuazione di un servizio già previsto dall’AMIU da qualche anno in favore di tutte le attività commerciali che possono, in qualsiasi momento, richiedere i contenitori in dotazione e il servizio di raccolta “porta a porta” per le due frazioni.

Oggi ho consegnato i due bidoni per la raccolta differenziata dei rifiuti al ristoratore sanzionato nei giorni scorsi, che ha fatto ammenda per il suo comportamento scorretto – il racconto di Petruzzelli. Pochi commercianti sanno infatti che l’AMIU offre già da tempo un servizio di raccolta porta a porta per alcune frazioni di rifiuti (vetro e organico), consegnando alle attività interessate bidoni in dotazione che possono essere usati in esclusiva. Questo non solo facilita per loro la fase di raccolta e differenziazione dei rifiuti ma gli consente di ottenere uno sconto pari al 20% sulla parte variabile della tassa dei rifiuti a fronte del raggiungimento di una percentuale di raccolta differenziata che oscilla tra il 30% e il 40%, o una riduzione della tariffa del 30% sulla parte variabile a fronte dell’obiettivo di una percentuale di rifiuti differenziati tra il 40% e il 60%“.unnamed

Questi – prosegue Petruzzelli – non sono traguardi impossibili, perché proprio le frazioni del vetro e dell’organico sono quelle che hanno maggiore consistenza nella fase di pesata. Ad oggi, su 1462 pubblici esercizi attivi sul territorio, meno di 200 hanno fatto richiesta di questo servizio. Quello di stamattina vuole essere un segnale di apertura nei confronti di un commerciante che, dopo aver sbagliato, ha accettato la sanzione e ha deciso di passare dalla parte dei cittadini che rispettano la città, e al tempo stesso un momento utile per sensibilizzare tutti gli altri operatori commerciali su questo tema. Questa città ha bisogno degli sforzi di tutti per migliorare e da parte nostra c’è tutta la volontà di dialogare con quanti decideranno di collaborare a raggiungere questo importante obiettivo

Leggi anche