Raccolta differenziata porta a porta, a Santo Spirito arrivano le prime multe. Petruzzelli: “nessuno sconto ai furbi”

0
santo spirito

Elevati i primi sei verbali da 50 Euro l’uno a Santo Spirito per il mancato rispetto della raccolta differneziata porta a porta. L’assessore: “tolleranza solo per chi sbaglia ma si impegna nel nuovo servizio

La raccolta differenziata porta a porta, avviata in settimana nel quartiere Santo Spirito, miete già le prime vittime. Sono, infatti, ben sei i verbali (da 50 Euro l’uno) elevati dagli agenti della Polizia Municipale impegnati nel controllo delle operazioni di conferimento.

I sei rei, tutti residenti a Santo Spirito, sono stati infatti “pizzicati” dagli agenti a gettare la propria immondizia nei cassonetti ancora presenti nel limitrofo quartiere Palese, non rispettando quindi quanto predisposto dall’apposita ordinanza sindacale sulla raccolta differenziata porta a porta, partita appena lunedì scorso.

Queste sono le prime sanzioni elevate in occasione della nuova ordinanza legata all’introduzione della raccolta porta a porta – commenta l’assessore all’ambiente Pietro Petruzzelli. Come avevamo annunciato, ci sarebbe stata ampia tolleranza verso chi sbaglia nel differenziare i rifiuti e nei confronti di chi espone il contenitore al di fuori della propria abitazione nel giorno sbagliato. Allo stesso tempo, però, massima intransigenza verso chi abbandona i propri rifiuti per strada o nelle campagne limitrofe ma soprattutto per chi lascia i propri bustoni nei cassonetti dei quartieri vicini.

Queste sono regole che hanno a che fare con il decoro e il rispetto per gli altri cittadini che stanno collaborando con l’amministrazione, facendo anche sacrifici e contribuendo a raggiungere un ottimo risultato, come quello ottenuto finora, per il bene della città intera. A partire da lunedì – rilancia l’assessorediverse squadre saranno impegnate nel controllo del territorio di Santo Spirito e dei quartieri circostanti per sanzionare gli incivili che non hanno alcun rispetto per la città in cui vivono. Inoltre, è allo studio degli uffici comunali l’aumento della sanzione relativa a questo tipo di infrazione”.