Lotta alla contraffazione, c’è il protocollo comunale approvato in giunta

0
contraffazione

Stamattina Decaro ha firmato il protocollo anti contraffazione insieme al direttore Interregionale per Puglia, Molise e Basilicata Roberto Chiara

Bari si arma contro la commercializzazione delle merci contraffatte. E’ stato, infatti, firmato stamattina il protocollo d’intesa anti contraffazione sui “controlli di legalità nel commercio di prodotti originali” tra il sindaco di Bari Antonio Decaro e il direttore Interregionale per la Puglia, il Molise e la Basilicata, Roberto Chiara. La firma è avvenuta alla presenza del nuovo segretario comunale dott.ssa Elisa Capozzi e del funzionario delegato dell’ufficio dogane di Bari, dott. Gaetano Capodiferro. Prima di esser firmato, il protocollo era passato dalla giunta comunale per l’approvazione

Il protocollo nasce con un obiettivo chiaro: contrastare l’immissione sul mercato e la conseguente commercializzazione di prodotti contraffatti o addirittura pericolosi, accertando e sanzionando le attività illecite. La stipula di tale accordo, infatti, permetterà all’autorità di avere un valido strumento in più per intervenire a monte sulla vendita e l’acquisto di merce contraffatta, dagli abiti ai cosmetici, dagli accessori alle scarpe. Lo scopo, però, non è solo commerciale a tutela dei marchi originali, ma anche morale, perché s’intende con questa stipula prevenire i possibili effetti nocivi sulla salute del consumatore finale.

Sono, infatti, tutt’altro che trascurabili le conseguenze e l’impatto nocivo che la vendita di oggetti falsi determina sul tessuto economico e produttivo sano e sulla legittima concorrenza tra imprese, oltre a provocare un ingente danno sul fronte dell’evasione fiscale.

Per questo, il patto d’acciaio comunale contro la contraffazione avrà la durata di un anno e potrà essere rinnovato previa rinnovata intesa tra le parti.