Infopoint piazza del Ferrarese, cinque offerte presentate



0
Infopoint

Presentate cinque offerte per la gestione del front office e infopoint dello IAT in piazza del Ferrarese. Un appalto da 74.000 Euro per tre anni

Si è riunita ieri mattina la commissione – presieduta dalla direttrice della ripartizione Cultura Marta Minichelli e composta dalle funzionarie della stessa ripartizione Lisa Pietropaolo e Maria Cinquepalmi – incaricata di valutare le proposte relative all’avviso per l’affidamento del Servizio di accoglienza e informazione turistica (infopoint) dell’ufficio IAT di piazza del Ferrarese.

Sono cinque le offerte presentate entro il termine fissato, da parte di altrettanti soggetti. Si tratta di Bari Congressi e Cultura srl, Cooperativa “Murge”, Seci Consulting, ATI tra Bari Convention Bureau Grandi Eventi srl e Associazione Puglia Experience aps, e ATI tra Società Cooperativa Sociale “La Città essenziale – Consorzio Cooperative Sociali” e Consorzio Teatri di Bari.

Il Nuovo Infopoint

Il servizio che il Comune intende attivare è, essenzialmente, di front office, assistenza, infopoint turistico e promozione del territorio e dei suoi attrattori rivolto a tutti gli ospiti che hanno scelto la Puglia, nonché ai cittadini baresi.

L’obiettivo del bando, che conterà un appalto da 74.000 euro ed avrà la durata di tre anni, è individuare un soggetto capace di erogare i consueti servizi di informazione e assistenza turistica, fornendo indicazioni utili per una migliore conoscenza e fruizione della città e del territorio, ma anche di svolgere attività di coordinamento dell’infopoint di piazza Moro e delle risorse turistico culturali presenti sul territorio per amplificare e ottimizzare i risultati di incoming.

L’obiettivo dell’amministrazione comunale è trasformare lo IAT in un ufficio in grado di interpretare al meglio nuove strategie organizzative per attrarre turismo, assumendo compiti e funzioni integrati con i sistemi culturali e ambientali presenti sul territorio pugliese.
Per questa ragione è previsto tra le altre cose che il nuovo IAT si occupi anche di coadiuvare l’amministrazione comunale nella elaborazione di strategie e politiche dell’attrattività turistica nel capoluogo.

Il nuovo IAT, così come pensato dal Comune, dovrà integrare le politiche di accoglienza con quelle previste dal progetto Bari Guest Card ed erogare servizi a questo connessi, coordinare le eventuali Destination Management Company (DMC) coinvolte nella realizzazione di campagne per attrarre e accogliere eventuali congressi e attività M.I.C.E. (Meetings, incentives, conventions e exhibitions),e coordinare l’infopoint di piazza Moro e gli eventuali altri punti informativo turistici che dovessero aprirsi in città in futuro.

Leggi anche