CUS Bari scivola, Napoli passa a 15” dallo scadere

0
CUS Bari

Al Palaflorio CUS Bari vs CUS Napoli finisce 2-3, il prossimo 5 Aprile i biancorossi tenteranno l’impresa in terra partenopea

È arrivata sul gong la rete che ha condannato il Cus Bari alla sconfitta, a nulla sono valse le due reti messe a segno dal capitano dei biancorossi: i pugliesi cadono al Palaflorio per 3-2, al ritorno servirà un’impresa ai ragazzi di mister Quarto per ribaltare un parziale apparentemente troppo severo.

CUS BariLa vigilia del match vedeva una squadra meno attrezzata ospitare una schiacciasassi, il campo ha invece raccontato tutt’altra storia. Personalità sul parquet per la compagine padrona di casa che nel primo tempo ha tenuto botta ai partenopei, arrivati a Bari agguerriti. Come da copione il pallino del gioco è stato per gran parte dell’incontro nelle mani del CUS Napoli, i baresi si sono affidati alle ripartenze di Giliberti, Lavermicocca e Mastrorilli, guidati dalla sapiente regia di capitan Castro. Sono gli ospiti i primi a passare in vantaggio: geometrico lo scambio nello stretto dei due avanti azzurri che inchiodano l’incolpevole Brucoli, autore comunque di una grandissima prestazione. Quarto mette mani alla lunga panchina e butta in campo a rotazione tutti i suoi effettivi. La svolta arriva solo nel finale di tempo quando è proprio Francesco Castro a sfruttare una disattenzione dell’estremo difensore azzurro, ristabilendo la parità grazie ad una sassata dalla distanza. Il primo tempo si conclude con una rete per parte nonostante l’occasione non sfruttata capitata ai partenopei allo scadere, quando il numero 10 napoletano batte a pochi centimetri dal palo alla destra di Brucoli su una maldestra uscita palla al piede della difesa del CUS Bari.

A porte invertite lo spartito non cambia, Napoli avanti e Bari pronto a colpire in ripartenza. E’ sempre il numero 10 partenopeo il rebus da risolvere per la squadra di Quarto, da una parte all’altra del campo il velocissimo attaccante fa a fette la difesa biancorossa. A metà ripresa è lui a siglare il nuovo vantaggio per il CUS Napoli, devastante la progressione da sinistra a destra al termine della quale batte in rete fulminando l’estremo bianocorosso sul suo palo.  Nonostante lo svantaggio Mastrorilli e compagni non riescono a concludere verso la porta avversaria, le occasioni più pericolose arrivano dalla fascia destra dove Giliberti prima, imbeccato da un lob perfetto di Lavermicocca, e Di Bisceglie poi sparano verso la porta senza centrarla. Ci vuole l’ennesimo gesto balistico di un instancabile Castro a ristabilire il parziale, perfetto il tiro del centrale che a 45 secondi dalla fine si insacca alla sinistra dell’estremo napoletano. Pareggio e calo di concentrazione fatale per i biancorossi, sulla ripresa del gioco è nuovamente un fraseggio corto a consentire al capitano ospite di battere a rete solo a tu per tu con Brucoli.