Giardino Isabella d’Aragona, al via la riqualificazione

0
Giardino

Ieri il sindaco Antonio Decaro si è recato al giardino Isabella d’Aragona, dove oggi inizieranno i lavori di riqualificazione: “primo passo verso il parco del castello

Bari vecchia continua a rifarsi il look. Dopo i lavori di restyling principiati in alcune piazze e luoghi d’interesse del borgo antico, adesso tocca al giardino Isabella d’Aragona indossare abiti nuovi, che restituiscano uno dei posti più affascinanti della città ai cittadini.

Ad inaugurare il cantiere ci ha pensato ieri il sindaco Antonio Decaro, che insieme all’assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Galasso ha presenziato alla cerimonia di simbolica consegna del giardino alla ditta che si occuperà dei lavori di riqualificazione.

Il giardino storico, che si estende lungo il perimetro del castello Normanno-Svevo, da oggi, infatti, sarà interessato da una serie di lavori che prevedono la demolizione della pavimentazione in asfalto dei viali e dei marciapiedi esterni, ad eccezione della porzione in basole adiacente a via San Francesco D’Assisi, per la quale sono previsti lo smontaggio, la pulitura e il successivo riposizionamento. La pavimentazione dei marciapiedi esterni sarà realizzata in basolato di pietra calcarea di Trani dello spessore di 5-6 cm, con forma e dimensioni variabili, analogamente a quanto già fatto in piazza Massari.

La superficie della zona centrale del giardino, di forma circolare, sarà invece “in getto”, con pavimentazione naturale costituita da materiali inerti provenienti da cave locali, adatta alla realizzazione di percorsi pedonali nei parchi e nei giardini storici.

Per quanto riguarda le aree su cui sorgono le aiuole, sarà installato un nuovo impianto di irrigazione che servirà per le nuove siepi che delimiteranno gli spazi e per il manto erboso che sarà posizionato alla fine dei lavori. Nel giardino saranno incrementate nuove alberature e/o sostituiti i 17 pini che versano in cattive condizioni di salute, oltre a presentarsi nettamente inclinati, con 17 lecci in modo da preservare lo stesso numero di alberature presenti nel giardino. Il progetto prevede anche la pulizia e il restauro della fontana in pietra esistente, la posa di cestini portarifiuti e di panchine simili a quelle presenti in piazza Massari. Sarà infine installato un nuovo impianto di illuminazione che sostituirà i pali e le lanterne presenti attualmente.

Un altro cantiere importante sta per partire – dichiara il sindaco Decaro. Domani, infatti cominceranno i lavori di riqualificazione del giardino Isabella d’Aragona a ridosso del Castello Normanno Svevo nel centro cittadino, per cui sono stati stanziati circa 1.270.000 euro. Mi auguro che, una volta riqualificato il giardino e ripristinata la bellissima fontana in pietra qui presente, i cittadini possano prendersi cura di quest’area e proteggerla dai vandali che l’hanno deturpata con le loro scritte“.

Un intervento richiesto a gran voce dai residenti della zona, che da tempo si erano già costituiti in un comitato apposito per la realizzazione del parco del castello. “Questo giardino storico, che sarà riqualificato in continuità, nello stile e nei materiali, con piazza Massari, rappresenta il primo stralcio del futuro Parco del Castello che abbraccerà la città vecchiaspiega il sindaco. Proprio con i cittadini del comitato del Parco del Castello stiamo elaborando una soluzione progettuale per realizzare la discesa nel fossato del castello che l’amministrazione comunale intende valorizzare e rendere accessibile alla città. Già per le prossime festività natalizie, infatti, abbiamo scelto di utilizzare il fossato del castello per realizzare alcuni eventi”.

Decaro, infine, si sbilancia anche sui tempi di consegna del giardino Isabella d’Aragona alla cittadinanza, lanciandosi in pronostici e previsioni: “I lavoriconclude il primo cittadinoandranno avanti per circa 10 mesi. Il nostro obiettivo è di avere il giardino pronto per gli appuntamenti che ci aspettano per il prossimo anno. Lungo tutto il tragitto del giardino, infine, sarà realizzata una pista ciclabile che collegherà l’attuale pista del lungomare Vittorio Veneto con la pista di corso della Carboneria“.

Così come stiamo facendo per gli altri cantieri avviati in città – ricorda invece Galasso – monitoreremo passo dopo passo l’andamento dei lavori e proveremo a condividere gli avanzamenti delle opere con i cittadini. Tutti i lavori previsti dal cantiere sono stati preventivamente concordati con la Soprintendenza, vista la collocazione strategica e di grande rilevanza di questo giardino, vicino al Castello Normanno-Svevo e alla città vecchia”.