G7 Finanze, al Castello Svevo una mostra su innovazione tecnologica e reperti archeologici

0
g7

Stamattina la visita di Decaro e De Bartolomeo alla mostra organizzata da Confindustria Bari-Bat per mostrare ai ministri del G7 le eccellenze del nostro territorio

Non solo discussioni politiche ed economiche, il G7 che sta animando Bari in questi giorni è anche l’occasione per pubblicizzare a livello planetario le eccellenze della Puglia, in termini di innovazione tecnologica e cura del territorio. E’ questo il senso della mostra allestita all’interno delle sale del Castello Svevo (location principale per i lavori del G7 Finanze) da Confindustria Bari-Bat in collaborazione con Invitalia, Regione Puglia, Puglia Sviluppo e Comune di Bari, e che stamattina hanno visitato il sindaco di Bari Antonio Decaro e il numero uno della confederazione locale degli imprenditori Domenico De Bartolomeo.

Lo scopo, come anticipato, è mettere in mostra dinanzi ai ministri delle finanze dei più totenti Paesi del mondo le bellezze del nostro territorio e le grandi potenzialità dei nostri paesi, delle tante realtà imprenditoriali del Mezzogiorno che investono quotidianamente su tecnologia, innovazione e scienza, aerospazio, meccatronica e agri-food. Non solo, però, eccellenze dell’imprenditoria pugliese, ma anche arti e valorizzazione del patrimonio locale con l’esposizione di alcuni tesori archeologici custoditi nel museo di Santa Scolastica.

Nello specifico, il cortile del castello ospita due container carchi di alcuni fra i prodotti più innovativi oggi realizzati in Puglia da multinazionali e dalle Piccole e Medie Imprese locali: lenti da vista d’avanguardia (le prime in grado di adattarsi allo stile di vita di chi le indossa), oltre a speciali mangimi che riducono l’impiego di antibiotici nell’itticoltura attraverso l’arricchimento con estratti dell’uva di Troia ad acino piccolo, soluzioni terapeutiche per trattare soggetti obesi o diabetici riducendo i sintomi della fame senza ricorrere all’intervento chirurgico e un navigatore per la radiologia interventistica che guida la mano del chirurgo con estrema precisione  all’interno del corpo umano.

Dopo una rapida rassegna di soluzioni legate alle life sciences e al biomedicale, la mostra  offre poi un saggio delle produzioni meccaniche di precisione e meccatroniche di punta della regione: la seconda generazione di pompe per l’iniezione del Common rail prodotte a Bari, nel luogo dove vide la luce la prima generazione del sistema di alimentazione che rivoluzionò i motori diesel negli anni ’80; la nuova trasmissione automobilistica di terza generazione, automatica a 7 marce e doppia frizione, che offre maggiore risparmio di carburante e migliore guidabilità; motori elettrici per auto ad elevate prestazioni ed efficacia; componenti di pompe centrifughe giranti realizzate a Bari attraverso la stampa 3D, con una tecnologia che consente di costruire pezzi di ricambio in soli 10 giorni anziché i consueti  3 mesi; un motore diesel ad alta velocità applicato in campo marino, ferroviario e industriale; sistemi che consentono di generare e immagazzinare energia verde per poterla poi distribuire quando è richiesta; uno speciale Robot adattivo che consente di eseguire missioni complesse,  collaborando con altri robot o con persone, con stazioni operatorie e reti di sensori.

A fare da cornice un mosaico digitale, che sfrutta la tecnologia di stampa moderna per personalizzare piastrelle digitali a testimonianza di come  l’innovazione stia trasformando in Puglia anche alcuni settori produttivi legati alla tradizione.

Vogliamo raccontare un nuovo sud che investe sul futuro ed è orgoglioso del suo passato – ha spiegato il sindaco Antonio Decaro. Il connubio tra storia, civiltà antiche e testimonianza di nuove competenze ci è sembrato il modo migliore, soprattutto se tutto è inserito nel cuore del castello Normanno Svevo che rappresenta uno dei beni artistici e architettonici più importanti della Puglia, dove la magia della nostra storia si intreccia perfettamente con il futuro dell’arte che vogliamo portare in questi spazi. Sono stato orgoglioso di mostrare a tutti i nostri ospiti le eccellenze del nostro territorio, che si tratti di buon cibo o di apparecchiature all’avanguardia, la Puglia e la terra di Bari non hanno nulla da invidiare alle grandi città del mondo”.

Le  eccellenze imprenditoriali che fanno di Bari e della Puglia un’eccezione positiva nel Mezzogiorno d’Italia sono davvero numerose. Di queste abbiamo potuto dare solo un piccolo saggio allestendo, nel Castello Svevo, questa mostra di prodotti ad alta tecnologia dell’automotive,  della meccatronica, dell’agri-food e delle ccienze della vita – ha detto, presentando la mostra organizzata in occasione del G7 alla stampa,  il presidente di Confindustria Bari BAT Domenico De BartolomeoArtefici  di questa innovazioni sono PMI a capitale locale  e grandi aziende estere, che, insieme, fanno di questa terra dalla storia millenaria, una comunità veramente globale”.