Emergenza migranti, a Bari è gara di solidarietà. Bottalico: “la città ha mostrato il volto migliore”

0
migranti 2

Ieri lo sbarco a Bari della nave della Guardia Costiera “Peluso” con 248 migranti a bordo. L’assessora: “è possibile continuare a donare in piazza Chiurlia

A Bari ogni emergenza fa rima con record di solidarietà. La città di San Nicola è da sempre territorio di accoglienza, e lo sta dimostrando anche in queste ore facendo fronte unita e con grande umanità ad un’imponente emergenza migranti. E’ sbarcata ieri nel porto di Bari, infatti, la nave “Peluso” della Guardia Costiera carica di 248 migranti salvati da morte certa nel Canale di Sicilia, dove viaggiavano a bordo di un paio di gommoni. Si tratta di 224 uomini, 21 donne e anche 3 minori.

Nel capoluogo pugliese le persone trasportate a bordo del vascello militare (quasi tutte provenienti dall’Africa Subsahariana) hanno subito ricevuto le cure mediche dei volontari della Croce Rossa, tempestivi ad allestire un presidio medico funzionante presso il molo 31 del Porto. Le operazioni di assistenza e soccorso sono state coordinate dalla Protezione Civile coadiuvata da una straordinaria rete di solidarietà con Forze dell’Ordine, organizzazioni di volontariato, tra cui In.Con.Tra. ed Equanima che stanno fornendo indumenti e generi di prima necessità ai migranti, e mediatori interculturali della Casa delle Culture.

Un plauso particolare è giunto dall’assessora al Welfare del Comune di Bari, Francesca Bottalico, che su Facebook ha voluto esprimere la propria soddisfazione e il proprio ringraziamento alla straordinaria rete di solidarietà che ha con grande efficacia fatto argine di fronte all’emergenza migranti: “oggi la nostra città ha mostrato uno dei suoi volti migliori – scrive Bottalico. Operatori, volontari, dipendenti comunali, forze dell’ordine, cittadini, uomini e donne impegnate in un incessante lavoro di assistenza e accoglienza dei migranti sbarcati al porto. La rete dell’accoglienza ha dato dimostrazione di competenza, impegno e generosità. Il mio ringraziamento più grande va a loro“.

Ma smaltita con successo la prima fase dell’emergenza, la macchina di solidarietà è ancora in moto. L’assessora comunica che fino alle 14:00 di oggi continua la “raccolta di alimenti a lunga conservazione, indumenti (estivi) in buone condizioni, soprattutto scarpe, presso la sede dell’Assessorato al Welfare, in piazza Chiurlia, ufficio migrazioni, piano terra“.