Distretti Urbani del Commercio, sbloccati i bandi

0
distretti urbani del commercio

Emanati i bandi regionali per il finanzimaneto dei DUC da parte della Regione Puglia. Assessora Palone: “Un’opportunità per il commercio barese”

Annunciato dalla giunta regionale lo sblocco dei bandi destinati al finanziamento dei Distretti Urbani del Commercio (DUC), per la realizzazione di distretti, opere e iniziative.

“Bari è pronta a rilanciare i suoi distretti urbani del commercio. Questa è una bella notizia per la città, che in questi mesi si è portata avanti il lavoro, realizzando il progetto di mappatura e di comunicazione D_Bari a supporto dei futuri DUC. Abbiamo quindi contezza delle esigenze del territorio e dei cittadini, che in questa fase sono già stati coinvolti e ascoltati”  – dichiara l’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone.

L’assessora al ramo Loredana Capone qualche giorno fa annunciò infatti la sottoscrizione distretti urbani del commerciodi una serie di protocolli tra Regione, Comuni e associazioni di categoria che definiscano fondi e compiti di ciascuno degli enti coinvolti, con l’obiettivo di non disperdere risorse e opportunità disponibili per il territorio.

La Regione si impegna quindi a cofinanziare la fase di progettazione del Distretto con un importo massimo di 30.000 euro e ad accompagnarne la realizzazione: i Comuni dovranno realizzare le attività rispettando le norme previste e le associazioni potranno coinvolgere le imprese e svolgere attività di informazione sugli interventi programmati, nonché assistere i Comuni attraverso i CAT (i Centri di assistenza tecnica) per le attività di progettazione del Distretto.

Nelle prossime settimane la giunta comunale siglerà un protocollo con le associazioni, che richiami le linee guida e gli orientamenti del documento strategico, già redatto e presentato negli spazi della Fiera del Levante lo scorso settembre. Essa proporrà alla Regione il programma attraverso cui si stilerà – affianco agli operatori – l’elenco dei progetti da candidare al bando regionale di prossima emanazione.

distretti urbani del commercioFocus del programma è la riqualificazione del mercato della ex Manifattura dei Tabacchi per valutare di possibili progetti di riqualificazione di spazi collettivi, e la costruzione dei un proggetto che guardi lo sviluppo di una strada o zona commerciale differente dal centro e dal borgo murattiano, sia dal punto di vista culturale che dal punto di vista economico; come spiega il sindaco di Bari Antonio Decaro.

“I distretti urbani del commercio rappresentano uno strumento che ci servirà per dare un sostegno concreto alle attività commerciali del territorio –  spiega Decaro – Il nostro obiettivo sarà quello di incentivare i commercianti, attraverso i fondi disponibili […] Dobbiamo cogliere questa occasione per ripensare il dialogo tra città vecchia e borgo murattiano in termini di presenza delle attività commerciali di merci varie e attività food, offrire nuovi spunti attrattivi sulle zone commerciali più periferiche in modo da rappresentare una valida alternativa al centro e insistere sullo sviluppo turistico di alcune zone di Bari, penso alle ex frazioni marine, che devono adeguare i tempi di apertura delle attività commerciali e la loro offerta sulla base delle esigenze dei turisti”.

“Lavoreremo con i commercianti […] per valutare possibili progetti di riqualificazione di spazi collettivi a disposizione delle loro attività e proveremo ad affiancare coloro che daranno la propria disponibilità – conclude l’assessora Palone – in un percorso di trasformazione della loro attività attraverso anche un avvicendamento generazionale che introduca un nuovo modello di fare commercio a Bari”.