Cinema di quartiere addio: l’Armenise in chiusura

0
armenise

Dopo il cinema Royal e il Nuovo Palazzo, Bari dice addio ai cinema di quartiere, il prossimo 17 Gennaio anche l’Armenise chiuderà!

Un altro duro colpo per la cittadina barese, e soprattutto per il quartiere “Carrassi”. Dopo lo spostamento del mercato, il ridimensionamento dell’ ASL e spettacoli di grande violenza, ora è il turno dell’attrazione centrale di via Pasubio: il cinema Armenise, che il 17 gennaio 2016 chiuderà definitivamente.

Dopo 61 anni di onorata carriera, l’Armenise verrà abbattuto e al suo posto verrà costruito un palazzo di quattro piani.

C’è molto dispiacere nel quartiere, a crollare è uno dei punti di riferimento per tutte le generazioni baresi; quel grande schermo ha visto amori nascere e finire, bambini diventare adulti, ragazzi commuoversi per un film romantico e ridere per una commedia.

Muore così un pezzo della storia di Bari; i cinespettatori purtroppo preferiscono i multisala per la comodità dei parcheggi dimenticandosi completamente di un pezzo della loro infanzia.

Il proprietario Giuseppe Armenise e nipote dello storico fondatore racconta quasi singhiozzando: Dopo tanti decenni chiudiamo, nessuno è più dispiaciuto di me! Sono nato e cresciuto tra queste mura, costruite da mio nonno nel 1954!

La scelta di chiudere è la conseguenza di tanti motivi, ma il più arduo è legato ai costi di gestione troppo alti, solo l’IMU ha raggiunto i sedici mila euro annui.

Quindici Consiglieri del Municipio Due hanno sottoscritto un appello contro la demolizione; i negozi di quartiere hanno raccolto firme per una petizione con lo stesso obiettivo.

Ora, alla città di Bari, restano solo i multisala,  le sale parrocchiali e i cinema d’autore di “Apulia Film Commission”: l’Esedra, l’ABC, il Nuovo Splendor e il Piccolo.

Pino Armenise, con un sorriso ci consola: “Chiudiamo in bellezza con la proiezione dell’ultimo film di Checco Zalone, che uscirà nei cinema a gennaio. Regaleremo gli ultimi sorrisi e un ricordo divertente al nostro pubblico!”