Puglia Pride 2017, la quarta edizione sarà a Bari. Appuntamento per il 1 luglio

0
puglia pride

Dopo Foggia, Lecce e Taranto il Puglia Pride sbarca anche nel Capoluogo, “una città che sa accogliere. Il mare salva e porta vita nuova

Dopo le fortunate precedenti edizioni svoltesi a Foggia, Lecce e Taranto, il Puglia Pride fa tappa anche a Bari, dove il 1 luglio 2017 si è data appuntamento la comunità LGBT del Tacco dello Stivale per la consueta marcia allegra e colorata che ha come scopo richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sulla lunga e difficile battaglia degli omosessuali per vedere riconosciuti i propri diritti di cittadinanza.

Il Puglia Pride, che a luglio celebrerà la quarta edizione, trova (a 14 anni dall’ultima volta) nel Capoluogo pugliese una sorta di “tappa obbligata” nel proprio percorso di divulgazione culturale delle rivendicazioni dei gay, non solo perché Bari è il centro politico-amministrativo di tutta la Puglia, ma soprattutto “perché città mediterranea e ponte fra culture diverse“, come si legge nella nota pubblicata sul sito del Coordinamento Puglia Pride.

Bari – spiegano gli organizzatori – è una città che accoglie, include, riconosce, sente, vede le altre e gli altri, le loro esigenze, i loro bisogni e la presenza del mare, che salva e porta a nuova vita. Questa è la nostra città, fatta di colori, sapori e fotografie uniche di volti umani, di storie personali, di esperienze nuove“.

Sul piatto i temi centrali della discussione contemporanea, alla luce della rivoluzione in atto con la costituzione delle unioni civili e la nascita delle prime famiglie arcobaleno legalmente riconosciute. “Il Pride a Bari nasce dal bisogno della comunità gay, lesbica, bisessuale, transessuale, intersessuale, transgender, queer del riconoscimento e dell’affermazione dei propri diritti. Quest’anno il tema del nostro Pride segue il dibattito nazionale e sceglie di affrontare e dare visibilità ad una questione di grande attualità: le famiglie.
Il percorso per il riconoscimento dei diritti e la piena uguaglianza non è giunto al termine ed il Pride ha un compito storico, quello di regalare visibilità ad una comunità che lotta ancora affinché si riconoscano eguali diritti. Con i nostri corpi, con i nostri colori, con le nostre tradizioni“.