Palazzo Simi, stamattina il sindaco in visita alla storica dimora rinascimentale

0
palazzo

Un’altra dimora in cui le pietre raccontano la storia di Bari Vecchia” dice Decaro durante la visita al palazzo sede del Centro Operativo per l’Archeologia di Bari

Bari torna a scoprire le sue bellezze nascoste per i vicoli della città vecchia, e l’attuale sindaco sta dando alla sua amministrazione un certo taglio “archeologico”, volto a restituire alla comunità la fruizione cosciente delle piccole gemme del borgo antico. Tra queste c’è anche lo storico Palazzo Simi, collocato in strada Lamberti, che stamattina è stato oggetto della visita proprio del sindaco Antonio Decaro, accompagnato da Giuseppe Cascella e Alessandra Anaclerio, rispettivamente presidente e componente della commissione consiliare Culture.

Il palazzo (un’antica dimora rinascimentale) attualmente sede del Centro Operativo per l’Archeologia di Bari, reca testimonianze del passaggio attraverso diverse epoche storice e culturali della città di Bari. In particolare, si notano con evidenza i richiami alto-medievali e romanici nelle mura dei  sotterranei, costruite a loro volta su rovine architettoniche risalenti al I secolo.

Un’altra dimora straordinaria in cui le pietre parlano – ha commentato Decaro a margine della visita – e raccontano di epoche remote e della storia della nostra città vecchia, autentico scrigno di tesori e di bellezze che è importante conoscere e far conoscere perché diventi sempre più patrimonio della nostra comunità e dei turisti che scelgono Bari. I percorsi della Bari sotterranea rivelano sorprese straordinarie e l’impegno delle istituzioni, come pure dei privati, deve andare nella doppia direzione di promuovere questi luoghi e di riqualificare e aprire al pubblico i siti non ancora accessibili, come ad esempio la cripta della chiesa di San Michele dove furono custodite le reliquie di San Nicola prima di essere spostate nella Basilica”.