Home » La Bari » Monachello-Ivan, tre calci alla crisi. Il Trapani s’inchina al Bari
bari

Monachello-Ivan, tre calci alla crisi. Il Trapani s’inchina al Bari

La doppietta del centravanti siciliano e il gran goal dello slovacco regalano al Bari la seconda vittoria stagionale al San Nicola: 3-0. Stellone si rilancia

Vittoria doveva essere, e vittoria è stata. Trovatosi con le spalle al muro, costretto a dare un segnale di vita, il Bari ha tirato fuori una prova d’orgoglio e concretezza, che vale un rotondo 3-0 sul Trapani fanalino di coda al San Nicola, la seconda vittoria stagionale in casa.

Decisivi i cambi di formazione e di mentalità operati da Stellone, premiato dalla freschezza e dalla concretezza di Monachello (doppietta) e Ivan (gran goal), due che scalpitavano in panchina per dare un contributo che, alla fine, è arrivato. E’ vero, l’avversario non era dei più probanti, ma al Bari si chiedeva soprattutto una reazione dal punto di vista emotivo e caratteriale. Alla lunga l’ha avuta vinta l’allenatore biancorosso, che dopo essersi trovato sulla graticola e nel turbinio dei malumori della piazza ha fatto vedere di aver ragione.

Una partita vinta certamente ancora non basta, questo è chiaro. Se, però, il Bari riuscirà a ripartire da questa vittoria, questa squadra potrà togliersi più d’una soddisfazione. Per ora il Bari dà una scossa alla sua classifica, portandosi a due punti dalla zona play off; la rincorsa inizia da qui?

Le Scelte

Stellone, complice qualche assenza di troppo a centrocampo e in attacco, dà nuova forma al suo Bari. Moras recupera titolarità e gradi di capitano al centro della difesa con Di Cesare, dentro Romizi al posto dell’indisponibile Fedele al fianco di Valiani in mediana, Ivan preferito a Martinho sulla destra, con Furlan dall’altra parte. In attacco, però, la novità più importante: al fianco del rientrante Maniero Stellone schiera a sorpresa Monachello, relegando De Luca in panchina.

Il Trapani di Serse Cosmi risponde con un laborioso 3-5-2, in cui Citro e Petkovic sono i riferimenti offensivi, Barillà va a fare l’interno di sinistra in favore di Nizzetto sulla fascia, con Fazio dall’altra parte.

Monachello goal a freddo

Che sarebbe stato un Bari diverso lo si intuisce fin dalle prime battute, quando la squadra di biancorosso vestita mette tanta grinta su ogni pallone, andando a prendere alti i portatori siciliani per ripartire con contropiedi fulminei. Uno spirito volitivo premiato già al 9′, con l’aiuto di un po’ di buonasorte: Monachello lascia partire un destro angolato ma non irresistibile, Farelli interviene in maniera scomposta e lascia che la palla superi la linea di porta. Il Bari ci prova ancora al 12′ con Moras, ma il suo colpo di testa su azione da fermo esce di un niente.

Dopo la sfuriata iniziale, il Bari tenta di controllare il vantaggio, amministrando il possesso e congelando le iniziative trapanesi. Di fatto, l’unico segnale di vita della squadra di Cosmi arriva al 35′ da calcio da fermo, ma la traversa dà una mano a Micai nel fermare il tiro velenoso di Petkovic. Il tramonto del primo tempo porta ancora la firma di Monachello, imbeccato da un positivo Romizi, ma il suo tiro è sghembo e muore alto sopra la traversa.

Uno-Due Bari e Trapani KO

Lo spartito non cambia nella ripresa: il Trapani a centrocampo con Ciaramitaro e Scozzarella fa una gran fatica a far girare il pallone, facilitando il lavoro di Romizi e Valiani in interdizione. Il Bari controlla e si acquatta in attesa del colpo del KO, che arriva al 64′: Maniero serve al limite dell’area Ivan, che con un sinistro chirurgico piazza la palla in buca d’angolo, freddando Farelli. E’ il gancio al mento che attendeva il Trapani per andare definitivamente al tappeto, abbandonando anche la blanda resistenza opposta nella prima ora di gioco. Il Bari ne approfitta al 70′, ancora con Monachello (MVP di giornata), che riceve ancora da Maniero e la piazza di giustezza col mancino sul secondo palo.

Il finale è buono per rivedere in campo De Luca e Basha, e soprattutto per ammirare l’esordio del giovanissimo e molto promettente Doumbia. Ma il risultato non cambierà più fino al 90′, quando può esplodere il tripudio biancorosso. Il Bari e il suo manager si lasciano alle spalle la crisi delle ultime settimane e rifilano tre goal al malcontento della piazza. Il campionato dei Galletti inizia oggi.


GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Riccardo Resta

Riccardo Resta
Laureato in scienze filosofiche presso l'Università degli Studi di Bari. Ho collaborato per quattro anni con il blog sportivo palogoal.it, per cui ho scritto più di mille articoli ed ho curato le rubriche sul calcio estero, sul tennis e sul Bari calcio. Capo redattore della testata bari.zon.it e collaboratore della testata di critica musicale distorsioni.net. Amo gli sport, la musica e tutto ciò che è brit.

Check Also

clown terapia

Nuova legge regionale sulla clown terapia, le associazioni attaccano: “non mercificate il volontariato!”

Le associazioni di volontariato VIP di Bari e Lecce si scagliano contro la legge regionale …