Home » Prima Pagina » Cinema Senza Barriere, presentata l’VIII edizione. Si cominacia il 10 aprile
cinema

Cinema Senza Barriere, presentata l’VIII edizione. Si cominacia il 10 aprile

Da aprile a dicembre la rassegna Cinema Senza Barriere porterà a Bari 7 film sulla disabilità. Bottalico: “progetto di promozione e benessere della persona

Lunedì 10 aprile, alle ore 18.00, al Multicinema Galleria, “Fiore” di Claudio Giovannesi, con Daphne Scoccia, Josciua Algeri, Valerio Mastandrea (premiato ai David di Donatello come miglior attore non protagonista), Gessica Giulianelli, aprirà la ottava edizione di “ Cinema senza barriere, il cinema che unisce”, il progetto promosso dall’assessorato al Welfare e ideato dall’associazione Aiace di Milano per consentire anche alle persone con disabilità sensoriali di godere del piacere del cinema in compagnia.

La nuova edizione del progetto, che come sempre si avvale della collaborazione di UICI (Unione italiana ciechi ed ipovedenti) ed ENS (Ente nazionale sordi) e della disponibilità dell’esercente del Multicinema Galleria, è resa possibile dal sostegno di UniCredit, banca tesoriera del Comune.

Ad illustrare le principali novità, questa mattina a in conferenza stampa, l’assessora al Welfare Francesca Bottalico, il referente Area Public sector Sud di Unicredit Mario Longo, il presidente di A.I.A.C.E. Milano Romano Fattorossi e i presidente regionale e provinciale di  UICI – Unione italiana ciechi ed ipovedenti Gino Iurlo e Antonio Montanaro.

Viene rafforzata l’esperienza, ormai avviata da due anni, finalizzata ad allargare la platea del pubblico attraverso il coinvolgimento di adulti, minori e famiglie seguiti dai servizi convenzionati con il Comune, che assisteranno gratuitamente alle proiezioni. Sale addirittura a trenta il numero dei partecipanti, tra i fruitori del servizi del welfare, che potranno partecipare a ciascuna delle sette proiezioni, a riprova dell’idea che il welfare debba essere promozione del benessere e del senso di comunità.

Un evento speciale accompagnerà questa nuova edizione: il 22  maggio, sempre al Multicinema Galleria, Eva Schwarzwald, curatrice con Romano Fattorossi del progetto fin dalle origini, nel 2005, racconterà al pubblico come vengono realizzati gli ausili sensorialisottotitoli per non udenti e audiodescrizione per non vedenti – che consentono a tutti di assistere alle proiezioni. Sarà l’occasione per affrontare alcuni dei problemi piccoli e grandi che vengono risolti dai tecnici creativi che realizzano gli ausili impiegati, partendo da film in lavorazione e film già sottotitolati e audiodescritti nell’ambito del progetto, tra cui “Una bella giornata” di Gennaro Nunziante, con Checco Zalone.

“Questo progetto rientra perfettamente in un’idea più ampia, che in questi anni stiamo portando avanti come assessorato e come rete welfare, finalizzata alla promozione della persona e del suo benessere complessivo – ha dichiarato Francesca Bottalico. Fondamentale è lavorare prima di tutto sul superamento delle barriere fisiche e sociali offrendo pari opportunità di accesso al mondo sociale, culturale, formativo. Per questo, per la prima volta, abbiamo elaborato un piano cittadino in rete con l’assessorato ai Lavori pubblici destinando fondi del welfare all’abbattimento delle barriere architettoniche, e abbiamo promosso una serie di iniziative che favoriscano l’accesso ai luoghi della cultura, come teatri e cinema, anche ai più vulnerabili per permettere a tutti e a tutti, anche a chi non ha possibilità economiche, di poter frequentare i luoghi del tempo libero dello svago e dell’incontro”.

“Grazie a Cinema senza barriere – prosegue – da due anni a questa parte stiamo offrendo la possibilità di assistere gratuitamente a cinema di qualità non solo a chi abbia disabilità della vista e dell’udito ma anche agli utenti dei nostri centri socio-educativi su tutto il territorio cittadino. Ringrazio Francesco Santalucia, esercente del Multicinema Galleria, che continua a credere in questo progetto, e Unicredit, la nostra banca tesoriera, che da sempre lo sostiene”.

Anche quest’anno Unicredit è vicina alle esigenze della città – ha proseguito Mario Longo, referente Area Public sector Sud di Unicredit. Stiamo infatti  replicando con molto interesse e molta partecipazione questa splendida iniziativa promossa dall’assessorato al Welfare. Un modo per testimoniare concretamente la presenza di Unicredit sul territorio”.

“Credo che sia una delle iniziative più interessanti che l’amministrazione comunale di Bari è riuscita ad assicurare nel tempo ai disabili della vista e dell’udito – ha aggiunto Gino Iurlo. Per questo siamo grati all’assessora Bottalico e a tutti coloro i quali, a vario titolo, hanno contribuito a questo progetto che realizza concretamente un momento di integrazione che consente a centinaia di non vedenti di vivere appieno un’esperienza tra la visione e l’ascolto di un film insieme a persone normodotate. Un segno di attenzione che speriamo possa continuare a crescere nel tempo coinvolgendo sempre più cittadini, disabili e non”.

Siamo davvero molto lieti che Cinema senza Barriere possa continuare anche quest’anno a Bari che, ancora una volta, si conferma una città all’avanguardia, unica in tutta l’Italia a sud di Roma a offrire organicamente questo servizio agli utenti disabili della vista e dell’udito – commenta il presidente di Aiace Milano Romano Fattorossi. Mi preme sottolineare che, dopo la sperimentazione dello scorso anno, viene confermata e potenziata ulteriormente la partecipazione di persone, in particolare minori, fragili, che passano da venti a trenta a proiezione. E questa partecipazione, che ha una grande valenza educativa,  avviene solo a Bari; non a Roma e neppure a Milano, le altre piazze dove è stabilmente attivo il nostro progetto. Infine vorrei sottolineare la fase “laboratoriale” che da quest’anno è presente nel progetto: ai ragazzi verrà spiegato passo dopo passo come si arriva sottotitolare e audiocommentare un film. Un ulteriore passo verso la dimensione didattica del progetto”.

Cinema senza Barriere

Ideata da A.I.A.C.E. MILANO in collaborazione con ENS di Milano e UIC e sostenuta negli anni dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Cinema senza Barriere® è l’unica rassegna cinematografica accessibile a tutti. Un servizio culturale continuativo per le persone con disabilità sensoriali, cui è stata resa possibile la fruizione dei film, grazie all’audiodescrizione e alla sottotitolatura di film di normale distribuzione in sala. La parte tecnica è a cura di Raggio Verde Sottotitoli di Roma.

Calendario delle proiezioni

Al Multicinema Galleria sette film, da aprile a dicembre, con l’eccezione di luglio e agosto. Dopo gli appuntamenti già fissati per il 22 maggio e il 12 giugno, le successive dare saranno definite in relazione alle novità cinematografiche in programmazione. Per conoscere i titoli e le date della rassegna www.cinemasenzabarriere.it

Come funziona

Il costo del biglietto è di 3 euro, ed è previsto l’ingresso gratuito per un accompagnatore dei diversamente abili.

I non vedenti ricevono una cuffia a raggi infrarossi che diffonde un commento audio, con dati aggiuntivi rispetto ai dialoghi del film. Vengono descritti, ad esempio, stati d’animo, azioni, modalità di ripresa, paesaggi.

I non udenti leggono i sottotitoli contenenti le didascalie con indicazioni relative a rumori e suoni, oltre che alla colonna sonora.

Prenotazioni

I non vedenti possono prenotare le cuffie a raggi infrarossi telefonando ai numeri 080/542 9082 – 080 /5429058 (lunedì/venerdì) o inviando un’email a uicba@uiciechi.it

Le cuffie potranno essere ritirate prima dell’ingresso in sala esibendo un documento d’identità.

Servizio in sala

In occasione delle proiezioni, l’accompagnamento in sala e il supporto al pubblico sono assicurati da personale qualificato della Sama Agency.


GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Redazione ZON

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Check Also

down

Sindrome di Down familiare, la ricerca di UniBa ne spiega le cause

Il dipartimento di Biologia dell’Università di Bari vicino a spiegare la genesi della sindrome di …