Bando Periferie Aperte, allo studio i progetti per riqualificare Libertà e San Paolo. Galasso: “interventi per 16 milioni”

0
progetti

Pronti i progetti per il rifacimento delle aree pedonali e degli assi di scorrimento del San Paolo e per la riqualificazione delle aree centrali del rione Libertà. Sul tavolo anche il parco dell’ex Gasometro

Si è svolto stamattina presso il palazzo della Città Metropolitana l’incontro tra l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari Giuseppe Galasso e i rappresentanti della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in merito alla rendicontazione sullo stato di avanzamento dei dei progetti finanziati dal bando Periferie aperte messo a gara dal Governo e vinto solo pochi mesi fa dalla ex Provincia di Bari.

Al termine dell’incontro, lo stesso Galasso ha relazionato al resto della Giunta, sottoponendo all’approvazione della squadra di governo del sindaco Antonio Decaro i quattro progetti definitivi relativi ad altrettante opere candidate dal Comune di Bari al bando per la riqualificazione delle periferie pubblicato dalla PCM.

Nello specifico, i progetti riguardano il quartiere San Paolo e il quartiere Libertà: nel primo caso, la proposta progettuale prevede il rifacimento delle aree pedonali e degli assi di scorrimento di viale delle Regioni, viale Puglia e degli spazi annessi nel quartiere San Paolo, mentre nell’area del rione Libertà si procederà alla riqualificazione di corso Mazzini e via Ettore Fieramosca, unitamente alla realizzazione del parco urbano nell’area dell’ex Gasometro e alla riqualificazione del lungo tratto di via Dante che insiste nel quartiere Libertà.

Questi quattro interventi, cui se ne aggiungono altri due che completano la candidatura del Comune di Bari al bando del Governo, ammontano complessivamente a circa 15,7 milioni di euro e consentiranno davvero di cambiare il volto di due quartieri della nostra città – commenta Giuseppe Galasso. Per quanto riguarda il Libertà, si tratta di cinque operazioni strettamente correlate fra loro, creando una continuità nella riqualificazione che da piazza Disfida di Barletta e dall’ex Gasometro, attraverso corso Mazzini e via Ettore Fieramosca e via Dante, arriverà sino alla ex Manifattura dei Tabacchi e alla nascente piazza Redentore“.

Un filo conduttore – spiega ancora Galasso – che favorirà la mobilità pedonale all’interno di un quartiere in cui la vivibilità degli spazi pubblici oggi è particolarmente sofferente. Il San Paolo, che rappresenta un quartiere importante, nonché lo snodo cittadino verso l’aeroporto, sarà invece oggetto di un imponente intervento in grado di migliorare notevolmente la viabilità ma anche le aree di socializzazione, in particolare quelle frequentate dai più giovani”.

Nello specifico, questi i dettagli dei 4 interventi.

RIFACIMENTO AREE PEDONALI E ASSI DI SCORRIMENTO DI VIALE DELLE REGIONI, VIALE PUGLIA E SPAZI ANNESSI NEL QUARTIERE SAN PAOLO

Il progetto, dell’importo complessivo di 7,2 milioni di euro, prevede opere di riqualificazione degli spazi esistenti finalizzate all’innalzamento del livello della qualità della vita dei residenti. Le aree di intervento interesseranno viale delle Regioni, viale Puglia, via Corrado Giaquinto, via Ludwing van Beethoven, via Latina, via Perugia, e porzioni di Via Molise, Via Piemonte, via Toscana e viale Lazio. L’intera viabilità sarà ridefinita da un punto di vista funzionale attraverso la trasformazione delle strade di attraversamento degli insediamenti abitativi esistenti in veri e propri assi di relazione tra le diverse funzioni già presenti sul territorio.

Questo lavoro di riqualificazione del quartiere San Paolo consentirà un miglior collegamento tra i flussi di attraversamento che congiungono l’aeroporto con la città e quelli interni al quartiere, attraverso la realizzazione di una rotatoria tra viale Europa e viale delle Regioni, una più efficace connessione tra le fermate della metropolitana leggera di superficie e il territorio, l’introduzione di una rete di piste ciclabili di collegamento fra i servizi esistenti, la messa in sicurezza dei marciapiedi e delle aree prospicienti le scuole con l’ampliamento di queste ultime, il miglioramento dell’accessibilità attraverso nuovi percorsi pedonali, l’implementazione dei parchi esistenti attraverso la realizzazione di nuovi spazi pedonali attrezzati di dimensioni e funzioni diverse e l’implementazione della permeabilità anche con l’introduzione di nuovi alberi.

RIQUALIFICAZIONE DI CORSO MAZZINI E VIA ETTORE FIERAMOSCA

Il progetto, dell’importo complessivo di 3,5 milioni di euro, mira a rendere più agevole la permeabilità pedonale degli spazi interessati, oggi prevalentemente caratterizzati dal traffico automobilistico, attraverso la creazione di marciapiedi più larghi e con nuovi attraversamenti pedonali che privilegiano la sicurezza del pedone rispetto alla semplice percorribilità carrabile.

L’intervento punta a favorire i collegamenti pedonali far gli spazi pubblici e le attrezzature di interesse collettivo attualmente esistenti nel quartiere Libertà, tra cui la ex Manifattura dei Tabacchi/Porta Futuro, piazza Disfida di Barletta, piazza de Nicola, la ex scuola Melo, Officina degli Esordi, piazza Redentore e il parco dell’ex Gasometro, tutti connessi fra loro grazie all’itinerario costituito da via Ettore Fieramosca e corso Mazzini.

PARCO URBANO NELL’AREA DELL’EX GASOMETRO

Il progetto del nuovo parco urbano nel cuore del quartiere Libertà, costruito dove un tempo c’era l’insediamento industriale dell’ex Gasometro, interessa un’area complessiva di circa 15.000 metri quadrati, di cui oltre 7.000 destinati a verde con la piantumazione di 80 nuovi alberi ad alto fusto, oltre ad arbusti e prato. L’importo dei lavori ammonta a 2 milioni di euro.

L’intervento prevede la sistemazione a verde degli spazi interni, la realizzazione di una pista ciclabile e di percorsi pedonali, un’area ludica e sportiva attrezzata, una zona per lo sgambamento dei cani, un’area relax con sedute ergonomiche, uno spazio per il ristoro ed uno per l’intrattenimento e la socializzazione. L’area ludica dedicata a bambini dai 3 ai 12 anni avrà un’estensione di circa 400 metri quadrati e sarà separata da un’altra dedicata ai ragazzi più grandi (12-30 anni), estesa per circa 120 metri quadrati, in cui saranno installate le attrezzature per Parkour. La zona sportiva sarà completata con il montaggio di attrezzature per il fitness su un’ulteriore superficie di circa 160 metri quadrati.

RIQUALIFICAZIONE DI VIA DANTE

Saranno 10 gli isolati di via Dante che verranno riqualificati con questo intervento, dell’importo complessivo di 1,1 milioni di euro. Si tratta dell’intero tratto compreso tra via Quintino Sella e via Brigata Regina. Il progetto prevede la riconfigurazione della sede stradale esistente mediante l’allargamento dei marciapiedi e la riduzione della sede stradale su cui verrà comunque assicurata la percorribilità in un senso di marcia, con la possibilità di parcheggio in linea su entrambi i lati.

Saranno contestualmente riviste anche tutte le intersezioni in cui verranno realizzati gli allargamenti dei marciapiedi per rendere più sicuri gli attraversamenti, con l’inserimento di nuovi scivoli per le persone con disabilità motoria, oltre al percorso Loges per non vedenti e ipovedenti.

L’intero intervento verrà eseguito utilizzando la nuova pavimentazione per marciapiedi utilizzata per via Melo e sperimentata positivamente in via Montegrappa.

La proposta del Comune di Bari per il bando delle Periferie aperte comprende altri due progetti, presentati assieme agli altri Comuni dell’Area metropolitana di Bari: la riqualificazione di piazza Redentore (1,2 milioni di euro) e piazza Disfida di Barletta (650mila euro).